(Foto dal web)

Ho guardato nel mio corpo in profondità,

e ho trovato una montagna,

la vetta altissima nascosta da nebbia

e nuvole,

ho trovato un fiume che scorre giorno e notte

verso il mare,

ho trovato una galassia

che si muove silenziosa,

con milioni di stelle.

Thich Nhat Hanh

 

Lo so, la parola “meditazione” suscita un misto di sentimenti contrastanti 😅: curiosità, preoccupazione, interesse, ansia…Io stessa ho cominciato ad avvicinarmi alla meditazione solo quando ho cominciato a pensarla come “mindfulness“. Si tratta in questo caso della traduzione inglese della parola sati, un termine della lingua pali, sanscrito antico in cui vennero scritti i dicorsi del Buddha. La traduzione in italiano non è facile, e può spaziare tra presenza mentale e consapevolezza, anche se nella cultura da cui questo termine origina non esiste una distinzione tra mente e corpo, per cui il concetto che si avvicina maggiormente è: consapevolezza non concettuale, di mente e di cuore.

Comunque la si voglia chiamare, la diffusione di questa pratica è una delle svolte con portata più deflagrante nel mondo occidentale, almeno negli ultimi trent’anni. Studi scientifici dimostrano che la meditazione permette di attivare parti del cervello che regolano lo stress e la risposta emotiva agli input esterni. E chi pratica, a prescindere da quanto tempo lo stia facendo, sente su di sè i benefici: maggiore lucidità, calma, distacco positivo da eventi e situazioni.

Una delle pratiche più semplici per chi si avvicina alla mindfulness e alla meditazione è quella che nella filosofia Zen viene chiamata “zazen“, la meditazione seduta. Nel nostro immaginario chi medita è seduto a gambe incrociate, in una posizione che istintivamente richiama per noi scomodità e fatica. Non è necessario sedersi tutti nello stesso modo; ognuno di noi deve trovare la sua posizione comoda, anche usando dei supporti che permettano di avere la schiena dritta e di sentire meno fastidio possibile a schiena, anche, ginocchia, caviglie. Una sedia va benissimo, un cuscino da meditazione altrettanto. L’unica regola da rispettare è una posizione attiva, in cui la schiena non è appoggiata ma sentiamo l’allungo della colonna.

Cosa fare durante la pratica seduta?

Trovata la tua posizione seduta, rilassa le braccia, porta le mani in appoggio sulle gambe, o componi il Dhyani mudra, con il palmo di una mano che contiene quello dell’altra mano e i pollici in contatto delicato tra di loro (come nella foto qui sotto), chiudi gli occhi e porta la tua attenzione al respiro. Cerca di osservarlo senza cambiarlo, senza dargli un ritmo particolare, solo prendendo atto del percorso del respiro verso l’interno e verso l’esterno. E’ probabile che tu senta tanti pensieri affollarsi nella tua mente: cerca di non seguirne nessuno ma di tornare al tuo respiro ogni volta che ti distrai. Bastano 5 minuti per iniziare: puoi mettere un timer per essere sicuro di avere un tempo preciso da dedicare alla pratica. Quando te la senti puoi allungare questo tempo quanto vuoi – nelle pratiche di Mindfulness è consuetudine dedicare 45 minuti alla meditazione, statica o in movimento.

(Foto dal web)

Spesso ci si aspetta che durante la meditazione i pensieri scompaiano, si calmino: invece il nostro compito è quello di osservare come spettatori esterni il fluire incessante dei pensieri, considerandoli come tali, pensieri passeggeri.

Una delle immagini più belle ed evocative che si associa alla meditazione seduta è quella della montagna. La montagna è la quintessenza della solidità e dell’immanenza: nonostante il mutare delle stagioni, rimane imperturbabile, con il suo profondo radicamento nella terra e le vette che si protendono verso il cielo.

Quando sei seduto, prova a visualizzare una montagna – magari una montagna che conosci, o invece una montagna immaginaria – e cerca di disegnarla nella tua mente nel modo più preciso possibile.

Credo che possano essere utili le parole di Jon Kabat-Zinn – il “padre” del metodo MBSR (Mindfulness-Based Stress Reduction) nel suo “Dovunque tu vada, ci sei già”:

“Quando si tratta di meditazione, le montagne hanno tanto da insegnare, avendo un significato archetipico in tutte le culture. Le montagne sono luoghi sacri, incarnano timore e armonia, severità e maestà. Elevandosi sopra tutto ciò che le circonda sul pianeta, attraggono e sovrastano con la loro semplice presenza. Per alcuni popoli le montagne erano e sono ancora madre, padre, guardiano, protettore, alleato.

Nella pratica della meditazione può essere utile a volte prendere “in prestito” queste meravigliose qualità archetipiche delle montagne e usarle per sostenere la nostra intenzione a sostenere il momento presente con purezza e semplicità. L’immagine della montagna tenuta in mente e nel corpo può rinfrescare  la memoria del perchè siamo seduti e di cosa vuol dire, ogni volta che ci sediamo, dimorare nel regno del non-fare. 

La meditazione della montagna può essere praticata in qualunque posizione, ma trovo che sia al massimo della sua potenza quando sono seduto a gambe incrociate sul pavimento, così che il mio corpo sembra e  si percepisce come una montagna, dentro e fuori.

Pensa alla montagna più bella che conosci o puoi immaginare, una la cui forma ti parla. Mentre ti concentri sull’immagine o sulla sensazione della montagna nella tua mente, nota  la sua forma nell’insieme, la cima elevata, la base radicata nella crosta terrestre, i pendii ripidi o gentilmente digradanti. Nota quanto è possente, quanto immobile, bella da vicino e da lontano. 

Quando sei pronto vedi se riesci a portare la montagna dentro al tuo corpo. La tua testa diventa la cima elevata; le tue spalle e braccia i lati della montagna; il tuo bacino e le gambe la base solida e radicata sul cuscino, o il pavimento, o la sedia su cui sei appoggiato.

Invita te stesso a diventare una montagna che respira, incrollabile nella tua immobilità – al di là delle parole e dei pensieri, una presenza centrata, radicata, immobile”

Quando esci dalla meditazione può essere che tu non abbia “sentito niente”, che tu non abbia imparato o scoperto niente. Sospendi il giudizio e ripeti la pratica – breve o più  estesa, come vuoi tu – tutti i giorni. Potresti scoprire che questo tempo apparentemente inutile ti dà lucidità, serenità… Che in qualche modo ti cambia e ti dà delle risorse che solo il “non fare” è in grado di darti.😃

E tu? Pratichi già meditazione nella tua quotidianità? Ti è capitato anche solo di provare?😉

_____________________________________________

Se ti interessa leggere il libro che ho citato qui sopra, ti lascio un link a cui puoi acquistarlo, e ti lascio anche il link al cuscino da meditazione che adoro e mi accompagna tutti i giorni – si tratta di link affiliati, se acquisti usandoli tu non avrai nessun sovrapprezzo, e io riceverò una piccola commissione. Grazie!!!💙


 

 

#meditazione #mindfulness #pilates #meditazionedellamontagna #amoreperse #amati #benessere #ilovepilatesarese #ilovepilates #ilovepilatesblog

 

 

 


2 commenti

Laura · 29 Giugno 2022 alle 20:52

Ciao Silvia, ottimo articolo poichè ha riportato la mia attenzione a questo interessante argomento. Non medito ma ho provato per cieca una settimana lo scorso anno con una meditazione guidata ma distesa a terra con la vei colazione del respiro in diverse parti del corpo. Devo dire ne ho veramente giovato a tel punto che una volta hosentito quasi essere vista da me stessa da fuori e la sensazione è stata sublime. In virtù del detto dei 2 minuti per ogni cosa e del less is more proverò a dedicarmi ogni giorno, 5 minuti, a questa pratica per vederne i benefici. Buona serata e a presto

Stefania · 1 Luglio 2022 alle 08:29

Ciao Silvia,ho letto con interesse l articolo,diciamo che io ho seguito un corso di mindfulness fatto da una psicoterapeuta, un corso di 2 mesi ,ed è stata un esperienza bellissima. Mi ha insegnato,intanto il qui è ora e mi ha insegnato cone sopravvivere nelle diverse situazioni sia lavorative che personali. Diverse tecniche di rilassamento e di consapevolezza applicabili in qualsiasi momento della tua vita. Devo dire che mi aiuta tutt ora molto,a fistanza di 3 anni
La meditazione della montagna è la mia preferita ,mi fa aiutato a sopravvivere in determinate situazioni mie personali. E continuo a utilizzarla. Tutte le tecniche di meditazione che ho imparato non si dimenticano più sopratutto se ne hai tratto beneficio.

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.